Quale sarà il trend del mercato immobiliare di Roma per il prossimo anno? In quali città si investe in abitazioni?

Il settore immobiliare di Roma è molto attivo. Infatti, la città più attiva in termini di acquisti e attività immobiliare in genere risulta essere Roma seguita da Milano, Torino, Genova, e Napoli. Ovviamente la maggior parte degli acquisti è giustificata come “immobile principale” (81,4%) a cui fanno seguito gli acquisiti per i parenti prossimi.

Guardando il mercato immobiliare italiano, rispondendo alla domanda sul trend del mercato immobiliare, serve  capire come si stanno evolvendo gli interessi delle famiglie circa l’acquisto di abitazioni nelle principali città d’Italia. Nel 2017/2018 il 6,7% delle famiglie ha acquistato una casa nelle principali città del nostro Paese, preferendo delle piccole abitazioni (suolo compreso tra 71 e 100 mq.). Il 6% delle famiglie invece ha affermato di aver venduto casa, solitamente abitazioni principali a causa di una continua necessità di liquidità. Le giovani famiglie con figli sono quelle che fanno maggior ricorso al mutuo, grazie anche ai tassi sempre più favorevoli (57.7% nel 2018, dato in crescita per il 2019).

Cosa accadrà, secondo queste stime, nel 2020?

Dall’analisi dei mutui è emerso un dato sconvolgente: il 58.8% della richiesta mutui è per una casa vacanze o una casa per i parenti prossimi. Quindi gli acquisti previsti per il 2020 non saranno guidati esclusivamente da una ricerca di casa principale ma anche da queste altre necessità, a cui il mercato immobiliare può far fronte grazie all’enorme quantità di vendita. Sicuramente quello che emerge tra le interviste svolte nei comuni di Milano, Torino e Roma, è che l’unico comune denominatore che “giustifica” un acquisto per il prossimo anno è proprio per una casa di abitazione principale.

Analizzando il mercato immobiliare nel prossimo futuro dal punto di vista delle vendite scopriamo una graduatoria diversa: Roma al primo posto come percentuale di individui che vogliono vendere casa, con notevole distacco seguono Milano, Genova, Palermo, Napoli e Torino. Le motivazioni più forti, al di là del distacco di posizioni, sono due: necessità di liquidità nel breve periodo, oppure quella di vendere per comprare una casa di dimensioni più adatte alle necessità del momento.